Albero di limoneCome i meno giovani sapranno, lo slogan “Garantito al limone” è mutuato dallo spot di un noto detersivo per piatti di qualche decennio fa. L’ho scelto perché per me è uno dei più bei slogan pubblicitari di sempre: abbinare un detersivo, un prodotto notoriamente chimico a un prodotto della natura, fornisce al cliente una garanzia senza pari, la stessa che io voglio offrire ai miei lettori, quella di contenuti sempre utili, mai fini a se stessi, ovviamente “no fuffa 100%“.

Il limone è tra l’altro un frutto che mi piace molto, un albero bellissimo da vedersi e dalle proprietà straordinarie. Innanzitutto non è avaro, perché fruttifica due volte ogni anno e si può cogliere per almeno due mesi dopo la sua maturazione, segno di una grande generosità che voglio fare mia in toto. Il limone inoltre, sebbene le sue origini non siano mai state accertate con precisione, è oggi come oggi un frutto tipicamente italiano visto che ne produciamo in enormi quantità e lo utilizziamo moltissimo in cucina, ed io nonostante tutto adoro questo paese nei suoi pregi e nei suoi difetti.

Con il limone si possono fare tante cose straordinarie:
dalla buccia si può estrarre la pectina, una sostanza che viene utilizzata come dolcificante nelle marmellate e nelle confetture;
dai suoi semi si può estrarre l’olio essenziale di limone che è un provato rimedio terapeutico contro l’ansia, con capacità antisettiche, antinfiammatorie, tonificanti, depurative e purificanti; viene inoltre utilizzato nell’industria alimentare per il suo potere aromatizzante e in quella profumiera;
il succo di limone, oltre ad essere famoso per la tradizionale limonata, viene utilizzato nell’industria conserviera;
– il limone è alla base di alcuni trattamenti di aromaterapia per le sue capacità rinfrescanti e tonificanti per la circolazione, di antisettico e di calmante, molto utile in caso di raffreddore o di influenza;
– in cucina il limone è molto utilizzato per sostituire il sale (ad esempio sulle verdure o sulla carne), per preparare diversi dessert (dalla tradizionale torta di limone al “lemon cheese”), per esaltare il sapore delle fragole, di una insalata, per impreziosire qualsiasi piatto, dalla pasta al pesce.

Insomma, il limone è davvero un dono straordinario della natura che non dovrebbe mancare in alcuna cucina e in alcuna dieta.

I miei genitori ne possiedono una pianta che campeggia sul loro attico in città, segno che un albero di limone lo puoi piantare davvero dappertutto, basta che ci sia la giusta dose di sole per farlo maturare.

Avere questo stupendo frutto come simbolo delle mie passioni professionali lo considero un vero privilegio, per non parlare del fatto che il suo colore giallo mi ricorda quello del mio amato sole, del quale non posso proprio fare a meno.

Come potevo non sceglierlo?

N.B.: Alcune delle informazioni sopra riportate sono tratte da Wikipedia – L’enciclopedia libera